Comune di Oppeano

Il Consiglio comunale approva il Documento del Sindaco per il Piano degli Interventi

Pubblicata il 14/03/2017

Durante la seduta del Consiglio comunale di metà febbraio il Sindaco ha illustrato il documento del Sindaco, atto preliminare per la successiva adozione del primo P.I. comunale. In base alla vigente legislazione urbanistica (L.R.V. 11/04 e s.m.l.) la pianificazione urbanistica comunale si articola in due fasi: col PAT, Piano di Assetto del Territorio, e col PI Piano degli Interventi, o Piano del Sindaco.
Il Sindaco, Pierluigi Giaretta, ha illustrato il documento del Sindaco per il Piano degli Interventi, che ha validità indicativa di 5 anni. Esso fissa i criteri della nuova pianificazione per Oppeano, evidenzindo, in base alle priorità, le trasformazioni urbanistiche e la regolamentazione edilizia per il raggiungimento degli obiettivi fissati.
“Il documento del Sindaco è in sostanza il punto di partenza per la redazione del Piano degli Interventi. Prossimamente verranno organizzati sul territorio incontri pubblici di presentazione aperti a tutti i residenti e ai portatori di interessi, affinché il PI possa essere anche una “relazione programmatica” che indichi tempi e priorità operative nonché il quadro economico dello stesso”, spiega Giaretta. Alla stesura del PAT hanno collaborato Comune e Regione; per quanto riguarda invece il vigente PRG-Piano Regolatore Generale, lo stesso Sindaco ha evidenziato come l’entrata in vigore del PAT ha comportato che il PRG assumesse le caratteristiche del P.I. per le parti non in contrasto col PAT.
Ora l’Amministrazione può procedere a definire le scelte di trasformazione del territorio. In particolare le finalità del PI sono: promuovere e realizzare uno sviluppo sostenibile e durevole; tutelare le identità storico culturali e la qualità degli insediamenti attraverso il recupero; salvaguardare centri storici e paesaggio e prevenire il dissesto idrogeologico.
In particolare vengono individuate nuove aree di espansione, recupero, riqualificazione, nuove aree di completamento residenziale e produttivo, volumi in centro storico o corti rurali, aree e servizi privati, cambi di destinazione d’uso, ampliamento delle attività fuori zona.
Durante la serata l’architetto Nicola Grazioli, redattore per la stesura del PI, ha dichiarato: “Il territorio oppeanese è molto attivo ed ha necessità di molte attenzioni nella stesura del documento: le varianti saranno superate una volta portata a compimento la pianificazione urbanistica col Piano degli Interventi (P.I.) che potrà essere approvato direttamente in sede comunale”. Prosegue poi: “L’obiettivo è quello di aggiornare il PRG ed adeguarlo alle nuove esigenze di governo del territorio”.
La cittadinanza è invitata ad una fattiva collaborazione mediante asserzioni, proposte e istanze da esporre durante gli incontri che verranno organizzati nell’iter formativo del citato P.I. comunale.
 
 
                                                           


Facebook Google+ Twitter