Comune di Oppeano

Approvate le tariffe TARI 2017, in base al Piano Finanziario Rifiuti; la differenziata è arrivata a quota 79,51% nel 2016 Piano finanziario per raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti 2017: spesa da

Pubblicata il 08/04/2017

Dopo aver approvato il piano finanziario relativo ai costi della raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, il Consiglio comunale di Oppeano ha approvato la TARI – tassa sui rifiuti, per il 2017. La TARI è destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore e assieme a IMU (imposta municipale propria) e TASI (tributo per i servizi indivisibili), fa parte della IUC, l’Imposta Unica Comunale che si basa a sua volta su due presupposti impositivi: il possesso di immobili e la fruizione di servizi comunali. nel dettaglio la TARI è destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.
“Le tariffe sono state determinate tenendo conto del Piano Finanziario Rifiuti; ad esse va applicato il Tributo Provinciale pari al 5%; il piano finanziario del servizio rifiuti, gestito da Esa Com Spa di Nogara, per l’anno 2017, è stato quantificato in 1.149.991,00 euro”, spiega il Sindaco, rag. Pietro Luigi Giaretta; “Anche quest’anno l’Amministrazione ha deciso di mantenere invariate le tariffe dello scorso anno, 2016”.
La proposta tariffaria 2017 della TARI permette di realizzare proventi sufficienti a coprire la spesa quantificata nel piano finanziario, tenuto conto delle variazioni delle superfici e delle utenze rispetto alla precedente annualità. La scadenza del versamento della tassa sui rifiuti (TA.RI.) è prevista come lo scorso anno al 16 maggio, 16 luglio e 16 settembre.
“La quota di raccolta differenziata nel Comune di Oppeano l’anno scorso è stata di 357 chilogrammi ad abitante; nel 2012 la quota era di 313 chilogrammi ad abitante e pertanto si capisce che è stato fatto un buon progresso a livello di coscienza ecologica”, spiega il Sindaco; “Inoltre con la differenziata spinta si mira a ridurre quasi a nulla la frazione del secco dato che ad oggi vi vengono conferiti ancora molti materiali altamente riciclabili, come plastica, carta e alluminio”.
“La disuguaglianza nelle quote di differenziazione la fanno gli insediamenti produttivi: per essi c’è ancora margine di miglioramento sulla raccolta della frazione secca. Per le utenze domestiche comunque l’aumento della differenziazione è certamente dovuto, oltreché ad una “coscienza ecologica” degli oppeanesi, anche all’introduzione del metodo della “differenziata spinta”, che prevede il passaggio per la raccolta del secco quindicinale. Il servizio svolto da Esa Com Spa prevede poi una raccolta bisettimanale dell’umido, settimanale di plastica e lattine e quindicinale della carta e del vetro”, commenta il Vicesindaco con delega all’ecologia e verde Luca Ceolaro; “In base alle disposizioni date da Esa Com ai cittadini si chiede di conferire i rifiuti davanti casa la sera prima della raccolta”.

Categorie ambiente

Facebook Google+ Twitter