Comune di Oppeano

Tutela della sicurezza dei cittadini: progetto sperimentale per la videosorveglianza in rete nei 9 Comuni del Distretto di Polizia Locale

Pubblicata il 16/01/2018

Sistema unificato, progetto pilota in Veneto; collegate le 126 telecamere del Distretto Vr5C Polizia Locale, maggiore sicurezza per i cittadini
E’ stato presentato lo scorso 11 dicembre il piano per rafforzare la sicurezza curato dal Distretto di Polizia Locale Media Pianura Veronese VR5C, del quale fa parte Oppeano assieme ad altri 8 Comuni (Angiari, Concamarise, Isola Rizza, Oppeano, Palù, Roverchiara, Salizzole e San Pietro di Morubio, per un totale di 43mila abitanti). Il costo è di 122.000,00 euro e la Regione Veneto, alla quale è stato chiesto un contributo straordinario tramite Bando, partecipa con 50.000,00 euro. La rimanenza è a carico delle Amministrazioni. Il piano sarà operativo nel 2018 e prevede l’integrazione e il potenziamento della rete videosorveglianza, presente in quasi tutti i Comuni del Distretto; Oppeano ad oggi presenta il maggior numero di telecamere già installate qualche anno fa.
Il piano prevede due fasi di interventi: la prima, da svolgersi entro l’estate 2018, per mettere in rete grazie a ponti radio le 106 telecamere già attive nei Comuni del Distretto e le 8 da installare a Roverchiara. Il sistema di videosorveglianza verrà collegato alla centrale operativa di Bovolone, evitando i disagi legati al fatto che i singoli sistemi di registrazione degli Enti non sono collegati tra loro. La seconda fase si concluderà entro dicembre del prossimo anno e prevede la posa, nelle strade strategiche di accesso ai paesi, di 11 varchi elettronici per la lettura delle targhe, ai quali si aggiungono quelli già attivi nel nostro Comune, a Isola Rizza e Palù. Non semplici telecamere ma sistemi in grado di collegarsi ad una banca dati per verificare i dati del veicolo in passaggio. Il piano di videosorveglianza unificata del Distretto è il 1° progetto di questo tipo in Veneto: l’obiettivo è aumentare la sicurezza a favore dei cittadini.
 
 

Categorie sicurezza

Facebook Google+ Twitter