Comune di Oppeano

In biblioteca proseguono gli incontri nati per leggere e Autunno d’autore Sabato 14 ottobre a Ca’ degli Oppi la libraia Alessia Napolitano

Pubblicata il 06/10/2017
Dal 14/10/2017 al 04/11/2017

Sabato 14 ottobre a Ca’ degli Oppi la libraia Alessia Napolitano e sabato 4 novembre gli storici Luigi Pellini ed Emanuela Chiavarelli; prosegue in biblioteca e punti prestito le letture ad alta voce Nati per leggere
 
 
La Biblioteca civica nel mese di ottobre propone interessanti novità: sabato 14 ottobre p.v., all’interno della rassegna letteraria Autunno d’autore, al punto presto di Ca’ degli Oppi in via Dante Bertini, 67 alle ore 10 fino alle 12,30 la libraria Alessia Napolitano della libreria Radice-Labirinto di Carpi (Mo) presenta il progetto: Il lettore-custode.
Si tratta di un incontro formativo sulla buona letteratura per l’infanzia tenuto da Alessia Napolitano in veste di formatrice. La mattinata verte sulle pratiche di buona lettura a gruppi di bambini della prima infanzia (0-6 anni) ed è dedicato ad insegnati, educatori, mamme e nonni. La lettura di un libro è per lo più un fatto intimo, è un rito che avvicina i bambini al proprio immaginario interno, che semina la bellezza delle parole, che apre le porte alla narrativa e all’ascolto. Dimenticando ogni velleità attoriale, la lettura deve essere il più possibile vera e personale. Il libro è un luogo di quiete, dove il tempo si dilata, dove si impara la fatica e la pazienza, virtù necessarie se si desidera coltivare nei bambini un orecchio d’oro perché la capacità di ascoltare, come quella di saper guardare, si costruisce nel tempo. I buoni libri insegnano al lettore la capacità di distinguere le storie belle da quelle che vogliono solo insegnare; i buoni libri provocano empatia. Alessia Napolitano, laureata in Lettere moderne e Scienze della formazione primaria, è anche libraia e giocattolaia, diplomata presso l’Accademia Drosselmeier della Cooperativa Culturale “Giannino Stoppani”di Bologna. Al mestiere di libraia affianca quello di formatrice. E’ autrice del blog “le stanze del labirinto” dove tratta temi legati all’infanzia e alla letteratura. E’ narratrice di fiabe e autrice di libri per bambini (Il Cosario, Edizioni Corsare, 2016). Il costo del corso a persona è di 15,00 euro e le iscrizioni sono aperte fino ad esaurimento posti in biblioteca. La libreria Radice-Labirinto rilascerà ricevuta ai partecipanti e al termine del corso l’attestato di partecipazione.
Riprende anche il progetto Nati per leggere: si tratta di letture ad alta voce a cura del gruppo lettori volontari Nati per Leggere. A Oppeano: mercoledì 18 ottobre p.v., venerdì 10 e mercoledì 22 novembre, venerdì 1 e mercoledì 20 dicembre e venerdì 12 e mercoledì 24 gennaio p.v. alle ore 16.15-17.20. Le letture si tengono anche a Vallese sabato 21 ottobre, sabato 25 novembre, sabato 16 dicembre, sabato 27 gennaio p.v. alle ore 10.30-11.30. Inoltre a Ca’ degli oppi martedì 7 novembre, martedì 5 dicembre, martedì 9 gennaio alle ore 16.15-17.20.
Sempre all’interno della rassegna autunno d’autore: sabato 4 novembre alle ore 16,30 in auditorium comunale gli scrittori e studiosi Luigi Pellini ed Emanuela Chiavarelli presentano il loro libro: Arlecchino: Dio, Demone e Re. Origini sciamaniche di un culto arcaico (Ed. Libreria Aseq). Chi si cela, in realtà, dietro Arlecchino, l’unica figura della Commedia dell’Arte che appaia frequentemente, con appellativi simili, in tanti ambiti diversi, nelle tradizioni riattualizzanti credenze risalenti addirittura ad epoche remotissime? Come individuare il criptico vincolo che connette l’Herlequin-Hellequin, infera guida degli Spiriti volanti, all’Erlik Khan dello sciamanismo, personificante il demonizzato Lucifero, Signore del sabba? Quale nesso rapporta l’Erlekoening, Re degli elfi e delle fate, all’Herklinus-Herculinus della tarda romanità, retaggio dei Re sacri? Il noto eroe delle 12 fatiche-mesi rappresentava, infatti, anche “l’Inginocchiato”, costellazione che dominava l’antica Polare, poi slittata … Le sue tracce si perdono nella notte dei tempi sino a sfociare nel comico “ghiottone” aristofaneo, viaggiante negli inferi proprio come il nostro “Zani”. Dietro i lazzi, i giochi verbali del mondo “alla reversa” trapelano le vestigia dei riti di emergenza di un’unica, primordiale teurgia finalizzata a convertire, con sortilegi magicoanalogici, la morte in vita. Al termine dell’incontro piccolo buffet conviviale.
L’ingresso è libero, vi aspettiamo!
 
 

Allegati

Nome Dimensione
Allegato Il Lettore Custode.pdf 535.51 KB

Categorie cultura

Facebook Google+ Twitter