Comune di Oppeano

Si fa più vicina l’apertura del cantiere per la nuova isola rotazionale in via Bassa a Vallese Ottenuto un contributo da 130.000,00 euro dalla Regione

Pubblicata il 14/06/2017

La scorsa estate la Giunta comunale aveva approvato il progetto definitivo-esecutivo per la realizzazione di un’isola rotazionale all’intersezione formata dalle vie Bassa (S.P. n. 44/a “del Vallese”), Salieri e Carducci a Vallese. Per l’ambizioso progetto era stato richiesto alla Regione Veneto un contributo, riuscendo a presentare le istanze nei tempi e modi corretti. Pertanto la Regione ha comunicato l’erogazione del contributo da 130.000,00 euro per tale cantiere che l’Amministrazione comunale intende iniziare a breve, per mettere in sicurezza il pericoloso incrocio. Il costo della rotatoria è di 260.000,00 euro, pertanto la Regione copre il 50% dei costi e la rimanenza viene finanziata con fondi dell’Ente.
“L’isola rotazionale è finalizzata a garantire maggiore sicurezza a guidatori e ciclisti che usufruiscono dell’incrocio dato che più volte lo stesso è stato infatti luogo di incidenti”, sottolinea il Sindaco Pierluigi Giaretta; “Essa darà una risposta alla problematica dell’intersezione creata da via Bassa, dalle vie Salieri e Carducci, dalla bretella di immissione in S.S. 434 e da via Mozart-cavalcavia sulla citata strada statale”.
Nel dettaglio il progetto prevede un riordino della viabilità di via Bassa, strada che termina con l’immissione in Transpolesana e che ha visto negli anni un aumento dei residenti; la sicurezza della viabilità verrà assicurata da un incrocio a raso che riorganizzerà in modo funzionale il traffico, sia che esso arrivi da via Bassa in transito verso la “Transpolesana” che dal cavalcavia o dalla laterale via Carducci. I vantaggi di questa soluzione sono la garanzia di una migliore scorrevolezza per i veicoli in transito, oltreché migliori condizioni di sicurezza per i residenti. Negli spazi interni alla progettazione verranno inserite aree verdi; l’infrastruttura sarà dotata di tutti gli appositi sottoservizi.
 
 
 
 

Categorie patrimonio

Facebook Google+ Twitter